Come riconoscere un buon prosciutto: aspetto olfattivo
16561
post-template-default,single,single-post,postid-16561,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,woocommerce-no-js,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,columns-4,qode-theme-ver-18.0.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Come riconoscere un buon prosciutto: aspetto olfattivo

Il primo test olfattivo sul prosciutto avviene durante la stagionatura e prende il nome di puntatura: in questa fase l’assaggiatore punzecchia la coscia con un osso di cavallo per esaminarne il profumo e lo stato di asciugatura. In generale, della parte magra si valuta l’intensità del profumo, mentre della parte grassa la dolcezza.

Caratteristica imprescindibile di questo affettato è il particolare bouquet di fragranze, normalmente definito aroma di stagionato: un buon prosciutto crudo deve emanare un leggero profumo di … Nella parte grassa, invece, si deve distinguere un odore più dolce che richiama il profumo … Odori sgradevoli e pungenti come quello di carne cruda, di rancido o di verro, spesso definito come “odore di maiale”, sono indice di difetti di lavorazione, di stagionatura oppure di una cattiva qualità della carne.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.