Come riconoscere un buon prosciutto: aspetto olfattivo - Assisi Salumi
53
post-template-default,single,single-post,postid-53,single-format-standard,bridge-core-2.6.1,qode-page-transition-enabled,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.6,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-5

Come riconoscere un buon prosciutto: aspetto olfattivo

Il primo test olfattivo sul prosciutto avviene durante la stagionatura e prende il nome di puntatura: in questa fase l’assaggiatore punzecchia la coscia con un osso di cavallo per esaminarne il profumo e lo stato di asciugatura. In generale, della parte magra si valuta l’intensità del profumo, mentre della parte grassa la dolcezza.

Caratteristica imprescindibile di questo affettato è il particolare bouquet di fragranze, normalmente definito aroma di stagionato: un buon prosciutto crudo deve emanare un leggero profumo di … Nella parte grassa, invece, si deve distinguere un odore più dolce che richiama il profumo … Odori sgradevoli e pungenti come quello di carne cruda, di rancido o di verro, spesso definito come “odore di maiale”, sono indice di difetti di lavorazione, di stagionatura oppure di una cattiva qualità della carne.

No Comments

Post A Comment